Quelli di Materdei

Impreziosito da chiese e palazzi storici, eletto, a suo tempo, per l’ambientazione di un celebre episodio del famoso film “L’oro di Napoli”, il rione di Materdei si colloca come una sorta di simpatico, soleggiato paesino nel cuore del capoluogo campano. Luminoso, ad un tiro di schioppo dal centro storico cittadino, dalla collina del Vomero e dal lussureggiante bosco di Capodimonte con la sua prestigiosa reggia, può vantare un teatro, ampi, eleganti parchi verdeggianti e piacevoli edifici di i...
Di più

L’Associazione compie trent’anni

Mi fa piacere pubblicare il racconto “L’Associazione compie trent’anni” sulla rivista “Lo Scugnizzo” in quanto è il resoconto di anni entusiasmanti da me vissuti quale fondatore con altri amici dell’“Associazione ex alunni lasalliani” nel 1986 della quale tuttora sono il Presidente, anche se il glorioso istituto di Materdei ha chiuso i battenti nel 2009. Il racconto è tratto dalla Rivista Lasalliana del 1992 da me voluta e diretta. Vi compaiono tanti amici, alcuni non più tra noi, ma sempre p...
Di più

8 marzo: omaggio a tutte le Donne

Questo sonetto di Pietro Jacopo De Jennaro, poeta nato a Napoli nel 1436 e qui morto nel 1508, accademico pontaniano, tratto dalla Raccolta “Rime e Lettere”, è un omaggio a tutte le donne nel giorno ad esse dedicato.   Donna zentil, che tra le donne un sole sei di splendore e de bellezze ornata, vaga, polita, onesta, in atti et in parole, o specchio, ove spechiar Amor si sole, triunfo di natura, alma dotata d’ogne virtute, o dea sola adorata dal cor mio lasso che te bra...
Di più

Il Violino

Qualcuno in Via Scarlatti certo l’avrà veduta: su un piccolo sgabello era seduta un cappelluccio in testa, il volto stanco, la custodia di un violino accanto. Con una mano forte la stringeva Mentre con l’altra la carità chiedeva. Forse al San Carlo avea suonato un tempo, quando era giovane e vivo il suo talento. Un giorno fu trovata come addormentata, la custodia a terra abbandonata; non la stringeva più, mollata avea la presa: a un lungo, ristoratore sonno s’era arresa. Le bia...
Di più

Ricordo di Capri

Capri nel novecentotrenta!! Che cos’era?! Na scultura antica, ‘nu quadro, ‘nacullana ‘e perle, najurnata ‘e sole, ‘nu cielo chin’ ‘e stelle. N’cesteve ‘nu silenzio ‘ncantatore ca te ‘ncatenava ‘e senze, ca te ‘ncatava ‘o core: dint’a cchillu silenzio ‘o canto de ssirene, tutt’era pace, tutt’era accussì overo. Cu ‘a sincerità ‘e’nulietto ‘e sposa, nterr’arena, sunnà putive, quanno calav’ ‘a sera. Ero ‘o Paravise ‘nterra, ‘nu ciardin affatato, nu’ suonno ‘e ggiuventù ca mo’ è passato. S...
Di più

Urdema Serenata

Mò sta schiarann’ ‘o juorne, tornano ‘a miez’ ‘o mare quatt paranze cu ‘e vele latine, tirann’ ‘e rezz’ argiento sbarcan’ ‘a Margellina, cantan’ ‘e marenare… se regnen’ ‘e spaselle…. ‘o sole saglie ‘ncielo…. Se scete Napule cu’ tutt’ ‘e cose belle…. Pe’ legge d’ ‘a Natura tutt’ cagne, pur’je a vint’anne fuje nu bellusciore….. mò me so’ cagnata: ‘o tiempo m’ha scurpit’ n’ata faccia, ‘o tiempo s’è arrubbat’ ‘a giuventù. Pe’ chesta legge…. Napule sì cagnata pure tu. Vieneme ‘nsuonno...
Di più

‘O Vommero

‘Na vota ‘o Vommero era troppo bello: tant’anne fa, quann’ero piccirella. N’aria balsamica t’arrivava ‘o core: mmieze ‘o vverde se cercav’ammore! E quanta casarelle cu ‘o ciardino cull’albero ‘e cerase e de limone, ‘o pergolato d’uva, ‘o melograno: se cercav ‘ammore mmieze ‘o ggrano! Si cammenave pe’ Via Cimarosa Cu ‘o primm’ammore tuoio a core a core, sule ‘nu vase… e te sentive sposa: se cercav’ammore mmieze ‘e rrose! Stu ‘Vommero je teng’ dint’ ‘o core, no chist’ ‘e mo ca n...
Di più

Ricordi di gioventù di Ginevra Bonetti

(n.d.r. segue da 7.2.2021) Nuovo trasloco e giungemmo così a Villa Pellerano in Via San Giacomo dei Capri. In questa strada c’era il vecchio Istituto Sieroterapico Nazionale (che negli anni cambierà nome e padroni) dove papà ebbe l’incarico di costruire dei nuovi padiglioni ed io l’opportunità di occuparmi. Siamo nel 1939: ho quasi diciotto anni e Matilde tredici e va ancora a scuola, la stessa Tecnica Commerciale al Corso Vittorio Emanuele. La Direttrice è ancora lei: la dott.ssa Antonell...
Di più

Ricordi di Gioventù di Ginevra Bonetti

(n.d.r. segue da 6.2.2021) Successivamente andammo ad abitare all’inizio di Via Manzoni in quella bellissima, antica, ed ancora oggi nota anche per il suo teatro, “Villa Patrizi”. Eravamo alla fine del 1928. Che dire? Villa Patrizi è stata un po' la nostra vita perché in essa hanno avuto origine e si sono realizzate le varie esperienze della famiglia. Era una casa bellissima che occupava tutto l’ultimo piano: sette camere, due terrazze, due suppegni ed un “belvedere” dal quale l’occhio spa...
Di più

Ricordi di gioventù

“Abito in un bell’appartamento di Viale Raffaello, sottostante la zona di San Martino dove abitai da piccola in Via Annibale Caccavello a “Villa Covino”. Campassi cent’anni non dimenticherò mai questo indirizzo! E’ quello della prima abitazione che ricordo bene per la “veduta”, le due terrazze e quelle mattonelle dai bei disegni e con tanto giallo oro. Eravamo ai primi del 1927, allora a mezzogiorno, dal Castel S.Elmo a San Martino, “sparavano il cannone”. A quell’epoca il Vomero era molto tr...
Di più