I Racconti del Presidente: Paolo e Pierino

Tre mesi era durato l’amore tra Mariuccia e John. E il Marine se ne era tornato negli States, lasciando incinta la ragazza napoletana che, a soli 20 anni, orfana di padre, si vide costretta, nel giugno del 1945 a lasciare il frutto di quell’amore figlio della miseria e del bisogno, davanti al portone dell’Istituto Materdei delle Figlie della Carità. Le Figlie della Carità, accolsero i due neonati, gemelli, come figli. Era il 29 giugno del 1945, li chiamarono Pietro e Paolo. I due bimbi crebbe...
Di più

I Racconti del Presidente: Gennarino

Tra i combattenti dell’Esercito Italiano sul Monte Grappa vi erano i c.d. ragazzi del 1896 e tra questi molti meridionali, in specialmodo napoletani. Gennarino era tra questi, alto, magro faceva il fornaio. In trincea, i napoletani erano bersagliati con offese e contumelie dai commilitoni del nord. In particolare un veronese di nome Pinin, quotidianamente apostrofava Gennarino, “terun”, “puzzi napoletano”, “ti auguro che questi ti facciano fuori”!! Gennarino, non rispondeva ma continuava a so...
Di più

I Racconti del Presidente: Marittiello

Dalla  fine degli Anni ’60, all’angolo tra il Corso Garibaldi e Via Casanova insisteva una bancarella di frattaglie: trippa, musso, centopelli e varie. Il “Titolare” era un certo Marittiello sopranominato “Marittiello calle e trippa”. Della rivendita eravamo clienti affezionati, infatti, con Genny e Carlo nelle nostre scorribande “alimentari” fatte di pasta cresciute, panzarotti e brodo di polpo, non disdegnavamo il “dessert” da Marittiello. La sosta alla bancarella era altresì occasione per ...
Di più

Quelli di Materdei

Impreziosito da chiese e palazzi storici, eletto, a suo tempo, per l’ambientazione di un celebre episodio del famoso film “L’oro di Napoli”, il rione di Materdei si colloca come una sorta di simpatico, soleggiato paesino nel cuore del capoluogo campano. Luminoso, ad un tiro di schioppo dal centro storico cittadino, dalla collina del Vomero e dal lussureggiante bosco di Capodimonte con la sua prestigiosa reggia, può vantare un teatro, ampi, eleganti parchi verdeggianti e piacevoli edifici di i...
Di più

L’Associazione compie trent’anni

Mi fa piacere pubblicare il racconto “L’Associazione compie trent’anni” sulla rivista “Lo Scugnizzo” in quanto è il resoconto di anni entusiasmanti da me vissuti quale fondatore con altri amici dell’“Associazione ex alunni lasalliani” nel 1986 della quale tuttora sono il Presidente, anche se il glorioso istituto di Materdei ha chiuso i battenti nel 2009. Il racconto è tratto dalla Rivista Lasalliana del 1992 da me voluta e diretta. Vi compaiono tanti amici, alcuni non più tra noi, ma sempre p...
Di più

8 marzo: omaggio a tutte le Donne

Questo sonetto di Pietro Jacopo De Jennaro, poeta nato a Napoli nel 1436 e qui morto nel 1508, accademico pontaniano, tratto dalla Raccolta “Rime e Lettere”, è un omaggio a tutte le donne nel giorno ad esse dedicato.   Donna zentil, che tra le donne un sole sei di splendore e de bellezze ornata, vaga, polita, onesta, in atti et in parole, o specchio, ove spechiar Amor si sole, triunfo di natura, alma dotata d’ogne virtute, o dea sola adorata dal cor mio lasso che te bra...
Di più

Il Violino

Qualcuno in Via Scarlatti certo l’avrà veduta: su un piccolo sgabello era seduta un cappelluccio in testa, il volto stanco, la custodia di un violino accanto. Con una mano forte la stringeva Mentre con l’altra la carità chiedeva. Forse al San Carlo avea suonato un tempo, quando era giovane e vivo il suo talento. Un giorno fu trovata come addormentata, la custodia a terra abbandonata; non la stringeva più, mollata avea la presa: a un lungo, ristoratore sonno s’era arresa. Le bia...
Di più

Ricordo di Capri

Capri nel novecentotrenta!! Che cos’era?! Na scultura antica, ‘nu quadro, ‘nacullana ‘e perle, najurnata ‘e sole, ‘nu cielo chin’ ‘e stelle. N’cesteve ‘nu silenzio ‘ncantatore ca te ‘ncatenava ‘e senze, ca te ‘ncatava ‘o core: dint’a cchillu silenzio ‘o canto de ssirene, tutt’era pace, tutt’era accussì overo. Cu ‘a sincerità ‘e’nulietto ‘e sposa, nterr’arena, sunnà putive, quanno calav’ ‘a sera. Ero ‘o Paravise ‘nterra, ‘nu ciardin affatato, nu’ suonno ‘e ggiuventù ca mo’ è passato. S...
Di più

Urdema Serenata

Mò sta schiarann’ ‘o juorne, tornano ‘a miez’ ‘o mare quatt paranze cu ‘e vele latine, tirann’ ‘e rezz’ argiento sbarcan’ ‘a Margellina, cantan’ ‘e marenare… se regnen’ ‘e spaselle…. ‘o sole saglie ‘ncielo…. Se scete Napule cu’ tutt’ ‘e cose belle…. Pe’ legge d’ ‘a Natura tutt’ cagne, pur’je a vint’anne fuje nu bellusciore….. mò me so’ cagnata: ‘o tiempo m’ha scurpit’ n’ata faccia, ‘o tiempo s’è arrubbat’ ‘a giuventù. Pe’ chesta legge…. Napule sì cagnata pure tu. Vieneme ‘nsuonno...
Di più

‘O Vommero

‘Na vota ‘o Vommero era troppo bello: tant’anne fa, quann’ero piccirella. N’aria balsamica t’arrivava ‘o core: mmieze ‘o vverde se cercav’ammore! E quanta casarelle cu ‘o ciardino cull’albero ‘e cerase e de limone, ‘o pergolato d’uva, ‘o melograno: se cercav ‘ammore mmieze ‘o ggrano! Si cammenave pe’ Via Cimarosa Cu ‘o primm’ammore tuoio a core a core, sule ‘nu vase… e te sentive sposa: se cercav’ammore mmieze ‘e rrose! Stu ‘Vommero je teng’ dint’ ‘o core, no chist’ ‘e mo ca n...
Di più